Home Chiama | Scrivi

Start up innovative: illegittima la costituzione senza atto notarile

Con la sentenza n. 2643 del 29 marzo 2021 il Consiglio di Stato, accogliendo il ricorso del Notariato, ha statuito che, in assenza di atto pubblico notarile, la costituzione di una start up innovativa tramite il “modello uniforme “adottato con decreto del Ministro dello sviluppo economico (D.M. 17 febbraio 2016) – in attuazione dell’art. 4, comma 10-bis, D.L. n. 3/2015 – è illegittima.

Il Consiglio di Stato ha motivato tale decisione sull’assunto secondo cui il potere esercitato dal Ministero con il D.M. 17 febbraio 2016 – che definisce le modalità di redazione degli atti costitutivi di società a responsabilità limitata (startup innovative) – non può incidere sulla tipologia degli atti necessari per la costituzione di dette start up, così come previsti dalla norma primaria. Il citato decreto ministeriale, dunque, si pone in aperto contrasto con il principio della gerarchia delle fonti.

Inoltre, ad avviso del Giudice amministrativo, il D.M. 17 febbraio 2016 è illegittimo anche in quanto in contrasto con l’art. 11 della Direttiva 2009/101/CE il quale prevede che in tutti gli Stati membri la cui legislazione non preveda, all’atto della costituzione, un controllo preventivo, amministrativo o giudiziario, l’atto costitutivo e lo statuto della società e le loro modifiche devono rivestire la forma di atto pubblico.

Invece, il sistema di costituzione tramite modello uniforme previsto dal decreto ministeriale non consente quel controllo di legalità che soltanto il notaio può garantire, essendo il conservatore del registro delle imprese deputato a un controllo meramente formale dell’atto costitutivo.

Alla luce di quanto sopra, il Consiglio di Stato  ha dichiarato illegittimo il D.M. 17 febbraio 2016.

Per ulteriori informazioni https://www.iurishub.it

Il suo ultimo articolo

Escluso il fallimento della ONLUS in assenza di prova di attività commerciale e dello stato di insolvenza

La società cooperativa ONLUS, cancellata dal registro imprese, non è fallibile se manca la prova dell'attività commerciale e dell'insolvenza

clear
Iuris Hub - Network legale Roma