Home Chiama | Scrivi

Frazionamento di appartamento condominiale: no all’automatica revisione delle tabelle millesimali

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione Sezione II Civile la quale, con la Sentenza del 3.6.2019 n. 15109, ha precisato che nel caso di frazionamento in due parti di un appartamento condominiale non si determina alcuna automatica incidenza dell’opera sulle tabelle millesimali ai fini della revisione dei valori delle unità immobiliari (Cass. 24/06/2016, n. 13184; Cass. 17/10/1967, n. 2493), mentre grava sull’assemblea l’onere di provvedere a ripartire le spese tra le due nuove parti così create ed i rispettivi titolari, determinandone i valori proporzionali espressi in millesimi sulla base dei criteri sanciti dalla legge.

Per la Suprema Corte, infatti, in materia condominiale, non trova applicazione il principio dell’apparenza del diritto – non sussistendo una relazione di terzietà tra condominio e condomino – sicché le spese gravano esclusivamente sul proprietario effettivo dell’unità immobiliare, e l’amministratore è tenuto ad aggiornare i propri dati alla realtà della composizione dell’edificio, ai fini del riparto, eventualmente consultando i registri immobiliari (ex plurimis, Cass. 0/10/2017, n. 23621; Cass. 03/08/2007, n. 17039).

Il suo ultimo articolo

Servitù su immobile condominiale: opponibile all’acquirente solo se specificatamente trascritta o conosciuta

La trascrizione di disposizioni regolamentari che stabiliscono limiti alla destinazione delle proprietà esclusive necessita della menzione di tutte le distinte unità immobiliari, ovvero ciascuno dei reciproci fondi dominante e servente. In caso contrario valgono soltanto nei confronti del terzo acquirente che ne prenda atto in maniera specifica nel medesimo contratto d'acquisto.

clear